Ultime segnalazioni

Le sorelle



Genere: Giallo


Autore: Claire Douglas


Data: Dal 9 Giugno

Una mente. Una è morta.


Da oltre un anno, dalla maledetta notte in cui ha perso la vita la sua gemella Lucy, Abi fa di tutto per allontanare il dolore e per prendere le distanze da ciò che può ricordarle la sorella: ha tagliato i ponti con la famiglia, si è isolata dagli amici, si è trasferita in una nuova città. Eppure, quando incontra Bea, ha l’impressione che il destino le stia dando una seconda occasione. Perché quella ragazza non solo è fisicamente identica a Lucy, ma le assomiglia pure nel modo di parlare e di vestirsi. Inoltre anche lei ha un gemello, Ben, perciò più di chiunque altro comprende il vuoto che sente Abi. E si propone di colmarlo, accogliendola nella grande casa che divide col fratello. Se con Bea è stata un’affinità istantanea, con Ben è amore a prima vista. Tuttavia, più tempo passa insieme con loro, più Abi si convince che ci sia qualcosa che non vada. All’inizio è solo una sensazione; poi, però, sono arrivate le fotografie strappate, gli oggetti spariti dalla sua camera, l’uccello morto lasciato sul letto. Sono opera di Bea, folle di gelosia per la relazione del gemello? A volte, Abi spera che sia così. Altrimenti vorrebbe dire che qualcuno ha scoperto il suo segreto…

 Salve lettori! Oggi vi parlerò di un thriller uscito circa un mese fa, edito dalla casa editrice Nord. Il thriller di cui vi parlo è "Le sorelle" di Claire Douglas, libro che ha vinto il premio Marie Claire come miglior debutto. La protagonista del romanzo è Abi Cavendish, una gemella che ha perso la sua metà, Lucy, in un incidente stradale di cui si sente colpevole. Dalla morte della sorella Abi soffre di un disturbo post traumatico da stress che le fa credere di vederla dappertutto, ma soffre anche di una sorte di ossessione verso ragazze simili alla sorella. Abi cerca in tutti i modi di trovare qualcuna che possa diventare la sua anima gemella, quella presenza a cui lei ha dovuto rinunciare mesi prima. Un giorno incontra Beatrice, una ragazza identica a Lucy e di conseguenza anche ad Abi. Bea è proprio come Lucy, sia per aspetto che per carattere: solare, frizzante, amichevole. Tra Abi e Bea nasce subito un forte legame ed Abi crede di aver trovato finalmente la persona che possa completarla, mentre Bea invece pensa di aver trovato il modo di riscattare i suoi peccati. Quando Abi arriva a casa di Beatrice si ritrova davanti anche Ben, il gemello di Bea: bellissimo, sexy, simpatico ed interessato ad Abi. Abi, ormai sola e alla disperata ricerca di affetto, si convince che i due fratelli siano tutto ciò che le serve. Sono gemelli come lei, quindi chi meglio di loro potrebbe capire quello che sta passando? Averli incontrati è un segno, così si trasferisce da loro. Solo che da quando si è trasferita iniziano a succedere cose strane: le sue preziose lettere scomparse, uccelli morti sul letto, strani post sul profilo Facebook di Lucy...
L'unica responsabile che Abi riesce a trovare è Bea che, gelosa della relazione sempre più forte con Ben, il prezioso fratello, fa di tutto per spaventarla e mandarla via. La verità però è completamente diversa e non è affatto facile da accettare.
Da quando ho letto la trama ho atteso con ansia questo libro, mi ha attirata sin da subito. Credo sia il primo thriller psicologico che leggo e penso di aver scelto anche bene. Questo libro ti porta alla follia, pagina dopo pagina, insieme alla protagonista. Continui la lettura angosciato per quello che sta capitando ad Abi, per la sua situazione disperata, per il suo bisogno di amore, per il suo bisogno di capire che diventerà anche il vostro bisogno di capire. Abigail è una donna fragile, le sue paure e le sue paranoie la fanno vivere costantemente nel dubbio che ciò che la circonda e ciò che crede siano invenzioni della sua mente distrutta dal dolore e dai sensi di colpa. È convinta che in quella casa trovi persone disposte ad aiutarla, a darle fiducia, amicizia, amore; invece si ritrova più insicura e impaurita di prima. Beatrice, che doveva essere la sua migliore amica, l'ha abbandonata e la odia; Ben, l'uomo che doveva salvarla con il suo amore, le mente e la usa. La storia è narrata dal punto di vista di Abi, ma alternati a quelli della protagonista ci sono una decina di capitoli dal punto di vista di Bea. Quando Abi afferma una cosa o è convinta di quello che gli sta facendo Beatrice, arriva il capitolo di Bea che cambia le carte in tavola e fa passare Abi per una psicopatica. Non c'è un personaggio più simpatico di altri, fino alla fine neppure Abi riesce a convincere del tutto perché c'è sempre la possibilità che magari lei sia davvero pazza. La Douglas ha creato un intreccio di segreti e bugie che ti trascinano fino all'ultima pagina con la voglia di sapere chi è in quella casa il vero cattivo e sopratutto sapere perché sta facendo tutto questo.  Credo che il punto focale di questo romanzo sia l'amore. L'amore non quello da favola, puro e meraviglioso, ma l'amore che è ossessione, manipolazione, annullamento. Quell'amore malato che ti lega all'altro con i suoi rami pungenti, che se provi a liberarti ti stringe sempre di più lasciandoti sanguinante ai piedi di qualcuno a cui non interessi davvero, ma a cui fai solo comodo.
L'ossessione. 

"Ho le palpitazioni. Non per l'ansia, come di solito, ma per l'emozione di stare così vicina a Beatrice. La sua sicurezza e la sua allegria sono contagiose. L'ammiro tanto e la sua compagnia mi dà una scarica di adrenalina. Mi fa credere di poter fare qualsiasi cosa ed essere chi voglio."

L'ossessione è un altro elemento fondamentale della storia: l'ossessione di Abi di trovare qualcuno che possa riempire il vuoto lasciato dalla sorella, l'ossessione di Bea di voler salvare le persone da loro stesse e del fratello, l'ossessione di Ben per le cose costose e della sorella. Gira tutto intorno a legami stretti ma malati, deboli e nello stesso tempo indistruttibili.  Devo dire che non amo i finali aperti, quei finali che "siamo arrivati alla fine e stiamo tutti bene, però in effetti potremmo anche ricascare nelle vecchie abitudini". Da quando ho chiuso il libro penso che non è giusto, perché non puoi ricascarci dopo tutto quello che hai passato in 36 capitoli. Scrivendo la recensione, però, mi sono resa conto che in effetti, per quanto di fantasia, anche i protagonisti dei nostri amati libri sono umani e un margine di errore possiamo concederlo anche a loro... Baci


Voto storia - 3 Bello

 


Nessun commento:

Posta un commento