Ultime segnalazioni

Chance


Autore: Kem Nunn

Genere: Thriller

Dal 27 Ottobre

Quando Jaclyn Blackstone varca la soglia del suo studio, Eldon Chance non può immaginare che quella che all’apparenza è solo l’ennesima paziente affetta da amnesie possa rappresentare il più grave pericolo che abbia mai corso. Il dottor Chance è un rinomato neuropsichiatra di San Francisco nel bel mezzo di un divorzio difficile, alle prese con i problemi di una figlia adolescente piuttosto complicata, con l’invidia dei colleghi e con grane finanziarie che non gli danno tregua. Jaclyn, affetta da un grave disturbo della personalità, lo intrappola in una rete di sesso e inganni, mistero e crimine, in una dimensione psichica in cui il binario della realtà scorre parallelo a quello dell’illusione. Il dottor Chance sa che l’unico modo per uscire vivo da quel gioco estremo è guardare negli occhi la follia, riconoscerne le facce, sventarne le insidie e allo stesso tempo coglierne le infinite inclinazioni, ma per far questo ha bisogno di ritrovare quell’istinto di sopravvivenza rabbioso, al limite dell’irragionevole.

 Salve Confine,
oggi vi parlerò di un libro uscito qualche settimana fa, edito dalla Fanucci nella collana TopCrime: “Chance” di Kem Nunn. Si tratta di un thriller psicologico da cui è stata tratta la fortunata serie omonima con protagonista Hugh Laurie. Protagonista è il famoso neuropsichiatra forense Chance alle prese con l’affrontare un difficile divorzio, una complicata figlia adolescente e grane finanziarie. Come se tutto ciò non bastasse, si ritrova coinvolto nella vita della sua ultima paziente, Jaclyn Blackstone. Affetta da disturbo della personalità multipla, la paziente presenta due personalità: Jaclyn, insegnante di geometria e algebra, tranquilla e controllata, e Jackie Black, donna audace ed estroversa, che continua ad avere rapporti sessuali con il marito violento anche se il loro matrimonio è ormai alla deriva. Quello di Chance è un lavoro in cui molte volte è difficile riuscire a tracciare un confine netto tra medico e paziente e a volte ci si lascia coinvolgere più del dovuto, proprio come succede tra il dottore e Jaclyn, tanto che si ritrova ossessionato non solo dal caso della donna ma anche dalla donna stessa, con cui intreccia una relazione sessuale insana e deleteria.

“«Fai come vuoi, ma non dire che non ti avevo avvertito. Ciò che più mi preoccupa è quanto ti stai lasciando coinvolgere da questa faccenda. Non riesco proprio a credere che sia la cosa migliore da fare, per nessuno dei due.»”

Purtroppo oltre ad essere coinvolto emotivamente nella vita della donna, finirà con l’incrociarsi anche con il marito violento e pericoloso di lei, che inizierà a vedere in Chance una minaccia. Da qui una scia di sesso, inganni, violenze e misteri
che metteranno a dura prova Chance e il suo discutibile operato, in una corsa senza sosta con la follia per riuscire a districarsi e venire fuori da questo gioco infernale e pericoloso.
Chance risulta il protagonista della storia per eccellenza, il che non permette di conoscere i punti di vista degli altri personaggi. Ma quello del dottore non è il ruolo del solito protagonista armato e corazzato, al contratio è un uomo qualunque e alle prese con i problemi che ogni persona affronta ogni giorno. Risulta un codardo in più riprese, in più non riesce a tirarsi fuori da questo vortice di sesso e inganni in cui è finito (volontariamente direi) perché non riesce a liberarsi della sua ossessione per Jaclyn, di cui finisce per non fidarsi. Si tratta di una lettura particolare. Non è il solito thriller che ti conquista sin dall’inizio, pieno di azione e colpi di scena sin dalle prime pagine, anzi. La scrittura prolissa, ricca di descrizioni e con pochi dialoghi rendono la lettura pesante e poco coinvolgente. I primi capitoli sono davvero lenti cosicché la storia prende il via vero e proprio da metà del libro. Quello che invece ho apprezzato e mi è davvero piaciuto sono i dettagli dati sulle diverse patologie e disturbi comportamentali, che rendono almeno la lettura più interessante. Nel complesso la storia in sé risulta interessante, ma la scrittura troppo descrittiva, che personalmente non apprezzo, e la descrizione dei personaggi a volte solo abbozzati non mi hanno fatto entusiasmare.
Alla prossima

Voto storia - 2 Carino 


Nessun commento:

Posta un commento