Ultime segnalazioni

La coppia della porta accanto



Genere: Giallo

Autore: Shari Lapena

Data: 25 Ottobre 2016


Se la tua vicina ti dice di non gradire la presenza della tua neonata alla sua cena – niente di personale, intendiamoci – ebbene passi, semplicemente non sopporta i bambini che piangono. Esistono i baby monitor apposta, e sarà sufficiente controllare la piccola ogni mezz'ora, in fondo è soltanto al di là della porta accanto, nella sua culla. Ma se la stessa vicina si presenta vestita da mozzare il fiato, scollatura esagerata, pelle di porcellana, e non fa altro che flirtare per l'intera serata con tuo marito, fin troppo compiacente, allora la faccenda si fa irritante. Tanto vale tornare a casa dalla bambina.
Che non è più nella sua culla.
Che è scomparsa.
L'inizio è quello di un giallo classico che, in poche pagine, eluderà però qualsiasi paragone. Quante cose il lettore crede di sapere e non sa. Quante volte sussurrerà "ho capito" e si dovrà ricredere.
Un innamoramento al momento sbagliato, una coperta scomparsa, una telecamera che non funziona, un'altra che funziona troppo bene, il depistaggio di una mente malata, quello di una mente fin troppo sana, un gioco erotico che sfugge al controllo e un detective capace di mille ipotesi stravaganti che, guarda caso, trovano altrettante sinistre conferme: un'inesorabile discesa all'inferno nei segreti di una coppia, la percezione di un matrimonio che, da un vetro distorto, mostra il suo disegno invisibile e pauroso.


Salve lettori!
Dopo tanto sono finalmente tornata per parlarvi ancora una volta di un nuovo thriller, esordio di Shari Lapena: "La coppia della porta accanto" edito Mondadori. Protagonisti del libro sono Anne e Marco, genitori della piccola Cora di soli sei mesi. Entrambi nascondono qualcosa: lei soffre di una grave depressione post parto, mentre lui è alle prese con un'azienda in
fase di fallimento e tiene nascosto il tutto alla moglie. Una sera i due coniugi vengono invitati a cena dai loro vicini, Cinthya e Granth, e poiché Cinthya non sopporta i bambini e la baby-sitter di Cora è impegnata, decidono di lasciare la bimba a casa da sola promettendosi però di andare a controllarla ogni mezz'ora. Ma non tutto va bene; alla cena Cinthya ci prova spudoratamente con Marco e lui non sembra tirarsi indietro neanche minimamente.  Anne è su tutte le furie, non riesce a restare lì a guardare quello spettacolo e non riesce a smettere di pensare a Cora nella casa accanto. Quando si fa l'una di notte tornano finalmente a casa e appena arrivano, capiscono che c'è qualcosa che non va, vedendo la porta sul retro aperta. I loro presentimenti diventano paure reali quando, entrati in camera da letto, trovano la culla vuota. Ecco che iniziano una serie di interrogatori per capire chi ha rapito Cora e perché, e già a metà libro si scoprirà chi è il colpevole, ma attenzione ...nulla è come sembra in realtà! 

"Scoprirà come sono andate le cose. La verità è lì. È sempre lì. Basta solo scoprirla."

Se all'inizio il libro risulta un po' noioso e lento nello svolgimento dei fatti, verso la fine il ritmo diventa più incalzante. Il narratore, terza persona, ci mette al corrente di altri segreti che lasceranno il lettore a bocca aperta. Per quanto riguarda i personaggi nessuno mi ha colpito particolarmente. Insomma ognuno di loro presenta più lati negativi che positivi, non c'è un personaggio che mi è entrato nel cuore se non la piccola Cora, che è la vittima di tutto ciò. La scrittura è un po' monotona e poco dettagliata, i continui cambi di scena mi hanno leggermente annoiata e hanno fatto sì che leggessi al massimo due capitoli al giorno. Come vi ho già detto, il libro diventa molto più avvincente verso la fine e grazie a ciò, do un voto positivo a questo primo libro di Shari Lapena, apprezzandone l'inventiva e soprattutto il finale. Mi è piaciuta davvero tanto la conclusione al punto che, quando ho chiuso il libro, avevo un sorrisetto compiaciuto stampato sulle labbra. Leggerò sicuramente un suo prossimo libro!
Alla prossima storia.

Giusi

Voto storia - 4 Bellissima





Nessun commento:

Posta un commento