Ultime segnalazioni

SPAZIO - INTERVISTA (Daniela Volontè)

Cari amici, oggi a rispondere alle nostre domande e curiosità abbiamo con noi Daniela Volontè. L'autrice del libro "L'amore è uno sbaglio straordinario"



Ciao Daniela grazie per aver accetto l’intervista e benvenuta sul blog, "Il confine dei libri". 

Grazie a voi per il tempo e lo spazio che mi state concedendo.


  • Sei una mamma e una moglie a tempo pieno. Quando trovi il tempo per scrivere i tuoi romanzi?
  • Essere mamma viene prima di tutto, quindi scrivo quando la mia famiglia non ha bisogno di me, perciò principalmente al mattino perché i ragazzi sono a scuola e la sera dopo cena. Durante il pomeriggio se ho dei ritagli di tempo mi metto davanti al computer perché scrivere mi piace molto e mi fa stare davvero bene.
  • Come è nata la tua carriera da scrittrice? Cosa ti ha spinto a scrivere?
  • Non posso certo definirmi una scrittrice visto che sto muovendo adesso i primi passi in questo nuovo mondo. L’idea di iniziare a scrivere una storia è nata nei primi mesi del 2013 ed è stato un antidoto al caos che regnava nella mia vita in quel periodo. Avevo bisogno di ricreare un mondo in cui fossi io a dettare le regole dato che nella vita vera molti aspetti mi stavano sfuggendo di mano. E così a marzo 2013 ho autopubblicato il mio primo romanzo.
  • Com'è nata l’idea di questo tuo ultimo libro? C’è da dire che la storia è molto particolare e diversa dalle altre.
  • Tutto è nato per caso. Ho davvero rotto il Tablet di mio marito e un suo collega ci ha indirizzato a questa asta di oggetti ritrovati presso l’aeroporto di Malpensa. In verità poi a quell'asta non ci siamo mai arrivati perché abbiamo sbagliato giorno, ma è stato l’input per creare questa storia.
  • Il carattere di Melissa riflette un po’ il tuo o preferisci creare personaggi diversi da te?
  • Se descrivere un paesaggio è relativamente facile secondo me, con i sentimenti è molto più difficile, quindi è necessario attingere al mio bagaglio di esperienze per parlare di sentimenti come la paura, ma anche la fiducia. In realtà di me in Melissa vi è poco nulla, se non il richiamo a questi sentimenti forti.
  • Quanto è importante nella vita di Riccardo la presenza di Melissa e viceversa?
  • Da eterna romantica quale sono, credo che due persone innamorate si completino a vicenda, quindi le mancanze di Riccardo vengono colmate da Melissa e viceversa. Per me è il concetto stesso di amore.
  • Chi ha scattato le foto che ci sono sul profilo Facebook di Leon?
  • Sulla pagina Facebook del profilo di Leon mi sono limitata a inserire foto trovate in rete che mi hanno colpito e che hanno ispirato buona parte della costruzione di questo libro. Amo molto la natura e l’architettura di città straniere, quindi rimango sempre affascinata davanti a certi scatti.
  • Tra i romanzi che hai scritto c’è un personaggio a cui sei più affezionata? E si perché?
  • A dir la verità sono legata a tutti, ma a nessuno in particolare. I miei personaggi mi fanno compagnia durante la stesura di un romanzo come fossero buoni amici. Li ritrovo volentieri quando arriva il momento di revisionare il romanzo. E mi piace parlare di loro, delle loro caratteristiche e della loro evoluzione. Ma non rileggo mai i miei romanzi dopo che sono stati pubblicati. Mai. Perciò è come se i miei vecchi amici si trasferissero lontano da me. Ogni tanto mi ricordo di loro e restano nel mio cuore, ma la mia vita continua.
  • Hai qualche nuovo romanzo per le mani? In tal caso ci puoi anticipare qualcosa?
  • Altri due romanzi dovrebbero venire pubblicati da Newton Compton. Uso il condizionale perché temo sempre che la casa editrice cambi idea. In uno si parla di esseri imperfetti, mentre nell'altro i classici canoni maschio e femminina verranno ribaltati.
  • Quale genere ti piace leggere di solito? Cosa stai leggendo attualmente?
  • Scrivo romanzi rosa perché mi piace molto leggere questo genere, soprattutto se contemporanei e autoconclusivi. Ho appena finito di leggere “Prendimi per mano” di Sarina Bowen e mi è piaciuto tantissimo!
  • Quale consiglio daresti ai giovani che si stanno avvicinando ora alla scrittura e stanno pensando di intraprendere la tua stessa carriera?
  • Non credo di essere la persona giusta per dare un consiglio, perché ho molto da imparare e non so nemmeno per quanto tempo continuerò su questa strada. Vorrei solo dire a chiunque si pubblichi o si autopubblichi di pensare al lettore e di portargli quel rispetto che deve essere reciproco. Un libro può non piacere e può essere criticato, ma con un certo garbo perché dietro a esso vi è sempre una persona.


Grazie per il tempo che ci hai concesso, ti facciamo ancora i nostri complimenti per il tuo ultimo successo editoriale e ti facciamo un in bocca al lupo per il tuo futuro.

Grazie infinite per tutto e... crepi il lupo! Un saluto a tutti.




(Domande realizzate da: Giovanna - Intervista da: Giovanna)

Nessun commento:

Posta un commento