Ultime segnalazioni

Nonostante tutto ti amo ancora



Genere: Romance contemporaneo 

Autore:  Samantha Towle



Mia Monroe sta scappando. Da una persona che le ha fatto del male. Da un passato che vuole tenere nascosto. Non ha più fiducia nel futuro. Jordan Matthews ama le cose facili. Le donne facili. La vita facile. Poi incontra Mia. Lei è a pezzi e ha sulle spalle il peso più grande che una persona possa sostenere. Ma più Jordan conosce Mia, più si ritrova, per la prima volta nella sua vita, a volere con tutto se stesso qualcosa… qualcuno… lei. E allora la vita non è più così facile. Jordan è tutto ciò che Mia non dovrebbe volere. Un ragazzo poco raccomandabile, arrogante, che fa soldi giocando a poker e rimorchia donne nei bar. Eppure Mia se ne innamora. E allora il passato da cui cercava di fuggire, sembra raggiungerla…

 

Buonasera Lovers, anche noi del team “Il confine dei libri” abbiamo deciso di adempiere al nostro dovere nella recente
lettura del romanzo “Nonostante tutto ti amo ancora”, pubblicato dalla Newton Compton il 28 Gennaio 2016 e che ha riscontrato parecchi commenti positivi tra noi lettori. Leggendo la trama ero convinta che l'autrice Samantha Towle avesse finalmente appagato il mio desiderio di leggere un new adult che trattasse di tematiche importanti, ma che fosse allo stesso tempo originale. Forse però ho chiesto troppo, dato che già con le prime pagine le mie aspirazioni sono state completamente smorzate. Premetto che ho faticato ad arrivare alla fine, ma forse sono io ad avere qualche problema con questo genere ultimamente. La storia è concentrata sulla protagonista Mia, una ragazza dal carattere apparentemente molto debole, che è sempre stata abituata a vivere con uomini che la maltrattano. Il padre Oliver, per primo, era solito frustare e castigare la figlia ogni qualvolta ne avesse voglia. La madre l'ha abbandonata quando lei era piccolissima, lasciandone la tutela completa al padre violento, ed anche per questo motivo si sente sempre sbagliata ed inadeguata. La vicenda inizia con la morte di Oliver e la “presunta” rinascita di Mia (questo è ciò che la mia testa ha immaginato leggendo le prime pagine) e invece no, cari miei! La nostra protagonista, come se non fosse già abbastanza masochista, sceglie di amare un uomo esattamente uguale a suo padre: il viscido Forbes. La situazione è alquanto critica dato che Mia soffre di una malattia compulsiva del cibo, chiamata Bulimia, che la obbliga ad inghiottire cibo ad oltranza per sentirsi meglio e poi a rigurgitarlo, mentre il suo fidanzato soffre di cambiamenti d'umore repentini e la picchia crudelmente per ogni minimo problema. Rispetto molto la scelta dell'autrice di iniziare a raccontare una storia così coraggiosa e per le prime quaranta pagine ha anche funzionato, ma in seguito il suo modo di scrivere è risultato molto noioso e ripetitivo ai miei occhi. Capisco che il suo obiettivo fosse quello di sviluppare il terrore ed il dolore della protagonista, ma dopo quaranta pagine di sospiri e di irrimediabile vittimismo, il mio cervello ha fatto “click” e si è spento. Comunque, da questo momento la storia diventa come tutti gli altri new adult presenti nelle librerie in questo periodo. Lei scappa dal suo aguzzino e dalla sua città, si mette in testa di cercare sua madre, ma trova un uomo semplicemente meraviglioso che riesce finalmente a renderla felice e ad asciugare i suoi dolori. Quest'uomo meraviglioso si chiama Jordan e prima di incontrare Mia era ovviamente un “gigolò”, in pratica si faceva tutti gli esseri umani di sesso femminile sulla faccia della terra per appianare il dolore della perdita di sua madre. Quindi dalla quarantesima pagina fino alla duecentesima il procedimento è lo stesso: lei lo rifiuta, lui cerca di starle lontano ma non ci riesce, fanno sesso e cercano la madre di Mia, senza successo. Poi tutto ricomincia. Non voglio essere troppo cattiva, ma ho trovato questo romanzo davvero banale e ripetitivo, e mi dispiace molto perché l'idea iniziale era davvero buona! Il momento in cui tutta la vicenda si smuove è praticamente alla fine del romanzo, quando finalmente il mio cuore ha fatto un sospiro di sollievo e si è messo in pace con il resto del mondo. L'unico lato positivo è lo sviluppo della
protagonista femminile, che da ragazzina debole e indifesa, diventa una donna che vuole prendere in mano la propria vita. Ci sarà addirittura un colpo di scena ben apprezzato, ma che tanto colpo di scena non è, dato che si capiva sin dall'inizio cosa sarebbe capitato. Insomma, poco originale e abbastanza noioso. Non posso nemmeno definirlo erotico, perché a parte qualche scena frettolosa di sesso tra i due protagonisti non ci sono dei momenti particolarmente intimi. Mi dispiace sempre fare delle recensioni negative e spero di essermi sbagliata, e vista la reazione del pubblico al romanzo forse il problema è solamente mio. Voi che ne pensate? L'avete già letto? Aspetto i vostri commenti e vi mando un bacione, vostra Ash.

 

Voto  storia - 2 carino


Voto erotico - 2 poco casto 


 

 

Nessun commento:

Posta un commento