Ultime segnalazioni

Shatter me series


Genere: Fantasy

Autore: Tahereh Mafi

9 Giugno


Sono 264 giorni che Juliette, 17 anni, vive segregata in una cella. Non ha contatti con il mondo esterno e nessuno può avvicinarla perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. L'organizzazione militarizzata che l'ha rinchiusa la considera un'arma grandiosa, ma per lei non è altro che una maledizione. Un giorno arriva Adam, a condividere la cella con lei. Juliette si tiene distante, non vuole fargli del male, ma quando lui la prende tra le braccia per consolarla, una notte che è in preda agli incubi, scopre che è immune al tocco di lei. Insieme si danno alla fuga. Per Juliette è un tentativo di ritrovare se stessa, di smettere i panni del mostro e fare i conti con il suo dono. Età di lettura: da 12 anni.




Ciao lettrici,
Oggi torno indietro nel tempo e dopo aver letto, amato e odiato tutta la serie di Shatter me, vi parlo del primo volume, da cui la serie prende il nome.
Shatter me di Tagereh Magi è un romanzo edito dalla CE Rizzoli, ed é il primo volume di una serie distopica.
Questo genere, oggi più che mai, è sempre più in aumento, e dopo il successo di Hunger Games e Divergent, anche io mi sono fatta conquistare da questo genere così intenso.
Premetto quindi che ho iniziato questa serie con le migliori intenzioni, e che oggi, mentre scrivo questa recensione so già come si conclude tutta la serie, perché ho già letto tutti i volumi. 
Quindi, attenta a non anticiparvi nulla, vi racconto un pochino cosa mi aspettavo da questa serie, e quale sensazioni ho avuto.
Juliette si definisce un mostro: tutto quello che tocca distrugge, tutti coloro che vengono toccati da lei muoiono, ed è per questo che nessuno la ama, nemmeno la sua famiglia, che l'ha fatta rinchiudere in un manicomio, in cui è da 264 giorni. A tenerla prigioniera é la Restaurazione, il gruppo militate che ha intenzione di usare il suo potere come arma, così la tiene rinchiusa per studiarla e per studiare ogni sua mossa. Juliette passa le sue giornate sola con se stessa e i suoi tormenti, rinchiusa con le sue paure e i suoi pensieri. Almeno fino a quando un ragazzo dagli occhi blu viene rinchiuso dentro la sua stessa cella. Juliette si tiene dunque a distanza da questo ragazzo, ha paura per lui, eppure rivede nei suoi occhi blu gli stesi occhi del suo primo amico, dell'unico che abbia mai avuto. Ma Juliette non sa che Adam durante la notte, mentre lei urla disperata, la consola, la tocca. Adam infatti sembra immune al sono di Juliette..

"Sono davvero pochissime le cose che non farei per te."

Insomma una trama avvincente, interessante, che mi ha incantata già dalla prima pagina. Tutti i personaggi infatti mi hanno conquistata con i loro pensieri e i loro tormenti, ma Adam mi è proprio entrato dentro. Se leggete infatti le mie altre recensioni potete capire quanto ho amato questo ragazzo così sicuro di sè, questo ragazzo così imperfetto. Ma Adam non è l'unico ad essere entrato nelle mie grazie: Warner, il capo del Settore 45, mi aveva incantato in questo romanzo. Mi sembrava il cattivo perfetto per questa storia. Warner infatti è senza dubbio il personaggio più complesso e più intrigante della saga, il più affascinante, ma non è il personaggio che ha scelto il mio cuore. 

"Cioè, insomma, basta far caso al modo in cui ti guarda. Come se non avesse mai visto una donna in vita sua. Come un tizio affamato guarderebbe del cibo che non ha il permesso di mangiare."

Ma tornando a questo primo volume...cosa dirvi? Mi ha stregato, tanto da avermi illuso moltissimo. La storia infatti poi si rivela così diversa da come l'avevo immaginata, ma dovendo recensire solo il primo volume non posso che dare il massimo dei voti. Shatter me aveva tutte le carte in regola per entrare nelle mie grazie, ma la storia avanzando di volume mi ha deluso sempre di più.
Infatti era stata specialmente la trama a conquistarmi, e quando la storia cambia totalmente direzione ne sono rimasta delusa. Ma, devo anche aggiungere che ho trovato la scrittura dell'autrice molto interessante: è confusa e ripetitiva, esattamente come i pensieri di Juliette, esattamente come i pensieri di chi si crede matta, di chi si crede un mostro. 

Comunque, consiglio a tutte le amanti del genere di iniziare questa lettura, perché se il vostro cuore farà la scelta giusta, rimarrete sicuramente incantate da questa serie che non annoia mai, e che pagina dopo pagina regala mille e mille sorprese, alcune piacevoli, alcune meno. 
Buona lettura!


Voto libro - 5 Meraviglioso



Genere: Fantasy

Autore: Tahereh Mafi

Tornato alla base per riprendersi dal suo quasi fatale incidente, Warner deve fare qualunque cosa in suo potere per far sì che i suoi soldati stiano all'erta e sopprimano ogni menzione di una possibile ribellione nel settore 45. Più ossessionato che mai da Juliette, la sua priorità è quella di trovarla, portarla indietro, e occuparsi di Adam e Kenji, i due traditori che l'hanno aiutata a fuggire. Ma quando suo padre, il Comandante Supremo della Restaurazione, arriva per porre rimedio agli errori del figlio, è chiaro che ha dei piani ben diversi per Juliette. Piani che Warner semplicemente non può accettare.


Ciao ragazze, 
Oggi vi parlo della prima novella della serie "Shatter me", "Destroy me" di Tahereh Mafi. "Destory me" anticipa il secondo volume della serie, e racconta il punto di vista di Warner, "il cattivo" di questa storia. 
La novella si svolge quasi in contemporanea con la fine del primo volume, precisamente da quando Juliette gli spara dopo che lui l'ha baciata. Sappiamo infatti che Warner è ossessionato dalla ragazza, e nonostante siamo ancora all'oscuro del vero nome di Warner, in questo breve romanzo scopriamo i suoi pensieri, e i suoi tormenti. In questa novella conosciamo il ragazzo spezzato che si nasconde dietro il leader del Settore 45. 
Warner, figlio di uno dei più potenti uomini della terra, è il leader del settore dove vivono Adam e Juliette, è da lui che scappano è nostro protagonisti. E in questa novella abbiamo modo di conoscere questo ragazzo così tormentato, tormentato dall'odio che prova verso suo padre, e dall'amore che prova verso Juliette. In questa novella infatti si capisce chiaramente che Warner non è solo ossessionato da lei, ma ne è proprio innamorato, e il suo amore, vero e intenso, per la nostra protagonista, è l'unica cosa che lo fa sentire vivo. Scopriamo dunque quanto Warner e Juliette siano molti simili e allo stesso tempo molto diversi. Lei odia il mostro che è in lei, lui l'ammira. Ma entrambi sono soli e tormentati, entrambi hanno bisogno di essere amati.
In questa novella infatti capiamo molte cose su entrami i protagonisti, e tutto questo grazie al diario di Juliette, che Warner le ha rubato. 
L'autrice dunque, grazie al diario, ci regala spezzoni dei suoi pensieri, dei suoi tormenti e ci fa capire meglio il suo dolore, provato in tutti quegli anni di solitudine. Ci fa capire il dolore provato nel tempo passata chiusa in un manicomio, e ci fa capire quanto sia intenso il suo desiderio di avere un amico. Un amico vero, un amico da poter toccare. 

"Ho provato vergogna e codardia, debolezza e forza. Ho conosciuto il terrore è l'indifferenza, l'odio per me stesso e il disgusto generale. Ho visto cose che non posso cancellare. Eppure non ho mai provato nulla pari a questa sensazione terribile, orribile e paralizzante..mi sento mutilato. Disperato e fuori controllo. E non fa che peggiorare. Ogni giorno mi sento male. Vuoto e in qualche modo dolorante. L'amore è un bastardo senza cuore. "

Ovviamente dopo aver letto questa novella mi è subito passata per la testa l'idea di un triangolo amoroso, ma spero di sbagliarmi, perché i sentimenti intensi che Juliette prova per Adam mi sono arrivati dritti al cuore, e quel tipo di amore non può spegnersi. Ma tutto può essere, sopratutto visto che Adam rimane ancora un mistero. Infatti, l'autrice dedica davvero pochi capitoli a lui già nel primo romanzo, facendo ruotare intorno al protagonista molte domande senza risposta. Ovviamente scopriremo la verità solo andando avanti e io non vedo l'ora di scoprila. 

Questa novella è stata una lettura inaspettata. Mi aspettavo pensieri crudeli e menefreghisti, mai avrei pensato di provare affetto e simpatia per Warner, invece mi sbagliavo. Ho provato addirittura empatia per lui, e ora come ora voglio averne di più. Questo personaggio è molto complesso, ma é anche molto strutturato, forse ancora di più di Juliette ed Adam. E questa novella lo rispecchia in tutto e per tutto. Infatti, se nel primo volume la scrittura è molto confusa e ripetitiva, in questa novella l'autrice usa una scrittura più scorrevole e limpida, simile al suo protagonista. 

Insomma, questa serie, mi sta prendendo molto, più di quanto mi aspettassi, e ora non mi resta che continuare la lettura iniziando " Unravel me".

Buona lettura!


Voto libro - 4 Bellissimo






Genere: Fantasy

Autore: Tahereh Mafi

Juliette è sfuggita alla Restaurazione e al suo leader che intendeva usarla come arma. Da quando vive al Punto Omega è libera di amare Adam, ma non sarà mai libera dal proprio tocco letale, né da Warner, che la desidera più di quanto lei credesse possibile. Tormentata dal passato e incapace di pensare al futuro, Juliette sa che dovrà compiere delle scelte difficili. Accettare il proprio potere distruttivo per metterlo al servizio della resistenza e, soprattutto, allontanare Adam pur amandolo con tutta se stessa.



Ragazze, 
Ben trovare in blog. Dopo aver divorato ed amato "Shatter me" e "Distroy me" continua la mia avventura con Adam e Juliette attraverso "Unravel me", il secondo volume della serie Shatter me di Tahereh Mafi.
Questo volume narra la storia, vista dal punto di vista di Juliette, in contemporanea con la fine della prima novella. Lo stile dunque ritorna quello del primo volume, visto che si torna ai pensieri di Julienne, e quindi la scrittura dell'autrice torna a essere esattamente come quella usata nel primo volume, ripetitiva e confusa, ma mai causale.
Questo tipo di scrittura infatti ha deluso molte lettrici, mentre io devo dire che ne sono rimasta affascinata perché è esattamente così che immagino i pensieri di una ragazza che pensa di essere matta, i pensieri di una ragazza che ha vissuto per anni in un manicomio, rinchiusa solo con se stessa e con le sue urla. 
Ma torniamo alla storia.
Il libro inizia con Adam e Juliette che sono al punto Omega, un luogo dove lei trova esattamente quello che cerca da sempre: affetto e amicizia. E lo trova grazie a James, il fratellino di Adam, e grazie a Kenji, il suo migliore amico. Nel punto Omega infatti ci sono altri ragazzi che hanno i doni come quello di Juliette, tra cui si scopre anche Adam. Adam infatti, non è immune al dono di Juliette, come si pensava dopo il primo romanzo, ma è anche lui un ragazzo speciale. Il dono di Adam consiste in una specie di blocco, con lui gli altri doni non attaccano, ma esattamente come gli altri, deve imparare a controllare il suo potere, perché usarlo gli costa molta energia. Juliette tormentata da questa cosa, dopo averlo quasi ucciso decide di chiudere la loro storia. Lo ama troppo per fargli del male. E io, come una piccola fontana, ho versato lacrime e lacrime per il loro amore impossibile. Adam e il suo amore sono state la fonte più suprema delle miei emozioni, ma non solo. Conoscere a fondo Warner infatti mi ha diviso in due, così mi sono ritrovata esattamente come Juliette, divisa tra due cuori. Ovviamente per ora la mia scelta rimane su Adam, per diversi motivi, anche se capisco che più di qualcuna di voi, leggendo questa serie, farà una scelta diversa e s'innamorerà perdutamente di Warner. 
Insomma, alla fine di questa storia, il tutto mi sembra più chiaro, così come anche mi sembra più chiara la scelta amorosa che farà Juliette, così diversa dalla mia. Ma la speranza non mi abbandona, anche se ho notato l'autrice racconta molto più spesso di Warner che di Adam, facendo diventare Adam un personaggio secondario, a volte quasi inesistente. Devo dire che le poche scene in cui è presente mi hanno straziato l'anima. Il suo amore per Juliette è molto intenso, e senza dubbio in questo volume ci accorgiamo che non è ricambiato come credevo. Infatti, in questo romanzo, i sentimenti di Juliette per Warner sono più forti d'ogni altra cosa e più combattuti. Si percepisce che lei prova per Warner un sentimento forte, perverso, molto più intenso di quello che prova per Adam. 
Curiosa di scoprire come si conclude questa storia e quale ragazzo vincerà i cuore di Juliette, non mi resta che continuare la lettura.

"Dai che in te c'è un lato diverso di cui non vuoi prendere atto, un lato che non vuoi vedere alla luce del giorno.
Passi tutta la vita a fare di tutto per allontanarlo, per allontanarlo dagli occhi e allontanarlo dal cuore. Fai finta che una parte di te non esista. Vivi così per molto tempo. Per molto tempo sei al sicuro. E poi non lo sei più."


Prima però voglio precisare che, questo secondo volume non è proprio perfetto (non mi sono piaciute le frasi cancellate, visto che non se ne è capito il senso), ma nonostante tutto non posso dare meno di 4 stelle perché in poche ore ho divorato già i primi due volumi e la prima novella. E sopratutto non posso dare meno di 4 stelle perché questa serie, pagina dopo pagina, sta distruggendo tutte le sicurezze che mi ero costruita. Devo dire infatti, che non c'è nulla di scontato in questa serie e che in ogni volume c'è una nuova scoperta. In questo secondo volume per esempio scopriamo che Adam e Warner sono fratelli. Ammetti che avevo intuito un certo legame tra loro già nella novella che lo precede, dopo la scoperta che entrambi sono immuni al suo tocco, ma avrei dovuto capirlo già dalla prima pagina di "Shatter me" perché Juliette descrive i fratelli Anderson entrambi di una bellezza disarmante. Ma va bene, le sorprese mi piacciono molto, e ora sono sempre più curiosa di sapere chi dei due fratelli alla fine riuscirà ad avere la bella Juliette. 


Voto libro - 4 Bellissimo




Genere: Fantasy

Autore: Tahereh Mafi

Mentre il Punto Omega si prepara ad attaccare i soldati della Restaurazione presenti nel Settore 45, Adam non potrebbe essere più deconcentrato dalla battaglia imminente. Sta cercando di riprendersi dalla rottura con Juliette, teme per la vita del suo migliore amico e per l’incolumità di suo fratello James. Proprio quando Adam comincia a chiedersi se è questa la vita che fa per lui, suona l’allarme. È tempo di guerra.
Abbattere Warner, non sarà tanto facile. La Restaurazione farebbe di tutto per annientare la resistenza… incluso uccidere tutti quelli a cui Adam tiene.


Ragazze, 

Con gioia immensa vi parlo di "Fracture me", la seconda novella della serie "Shatter me", che racconta il punto di vista di Adam. 
Felice e contenta dopo aver concluso "Unravel Me", non vedevo l'ora di scoprire qualcosa sul mio amato Adam, ne avevo un disperato bisogno, perché ero devastata dal pensiero di non conoscere a fondo il ragazzo che speravo scegliesse Juliette. 
Adam infatti é il ragazzo per il quale faccio il tifo, ma pagina dopo pagina, sono sempre sicura di andare incontro a una bella delusione. 
Questa novella, molto più breve della prima, racconta la scena che anticipa il rapimento di Juliette, ed è scritta con uno stile molto simile a quello che l'autrice usa per la prima novella, quella su Warner.
Adam ci racconta dettagliatamente cosa accade mentre sono invisibili, cosa vede, e cosa percepisce. Racconta con molti particolari i suoi timori e le sue preoccupazioni, e dai suoi pensieri si percepisce il suo amore verso la famiglia, la sua devozione verso James.

Adam infatti è come un padre per James, e per lui sarebbe disposto a fare qualunque cosa, è per lui che Adam deve restare vivo. Lui è il suo unico punto fermo.

Capiamo dunque da questa novella quanto sono diversi lui e Warner. Adam è preoccupato per la sua amata, è angosciato per lei, continuamente. Non la reputa abbastanza forte e non vuole causarle altro dolore.
Warner la venera, venera la sua forza, il suo coraggio.Se Adam ama la dolcezza di Juliette, Warner ama la sua sicurezza.
Insomma i due fratelli amano la stessa donna, ma non amano in lei le stesse qualità. Uno fa parte della distruzione, desidera vendetta, l'altro combatte solo per amore, per quello della sua famiglia.
Nonostante questo però l'autrice mi ha palesemente dato la notizia che speravo non arrivasse mai. Mi ha fatto capire che l'amore di Warner è l'amore di cui Juliette ha bisogno, quindi sono sempre più sicuro che lui sarà la sua scelta.
Dopo questa novella, infatti, tutto mi è più chiaro, anche se l'autrice aveva ben evidenziato già nel primo romanzo che la scelta non sarebbe stata Adam. Ora ne abbiamo la conferma. Ci eravamo davvero sbagliate su Adam?
Spero di no. Perché le emozioni che mi ha trasmesso lui non le ho provate con nessun altro personaggio di questa serie.
La novella finisce con la notizia della morta di Juliette, e con il dolore di Adam per averla lasciata andare, per aver preferito James a lei.
Insomma, se vi state chiedendo se sono delusa, vi rispondo chiaramente di si.
L'autrice ci ha riccamente prese in giro descrivendo nel primo romanzo un ragazzo dolce e pronto a tutto per la sua amata, invece adesso l'ha praticamente messo in panchina per dare spazio a Warner.
Spero comunque che l'autrice non continui a deludermi facendomi scoprire che Adam adesso è anche il cattivo della storia, altrimenti butto il Kindle giù dalla finestra, e meno curiosa di sapere come va a finire questa serie che tanto stavo amando, mi vado a leggere l'ultimo volume.


Voto libro - 3 Bello




Genere: Fantasy

Autore: Tahereh Mafi

Genere: 11 Maggio 2017


Niente sarà più come prima. Non si sa che fine abbia fatto il Punto Omega. Tutti i compagni di Juliette potrebbero essere morti. Forse la guerra è finita ancora prima di cominciare. Juliette comunque non si arrende: affronterà la Restaurazione. Se vuole sopravvivere, deve sconfiggerla. Ma per abbattere la Restaurazione e l'uomo che l'ha quasi uccisa, le servirà l'aiuto di qualcuno che non avrebbe mai pensato di avere al suo fianco: Warner. E mentre si preparano insieme ad affrontare il loro nemico comune, Juliette scoprirà che tutte le sue certezze - su Warner, sui propri poteri, e perfino su Adam - erano sbagliate.


Eccomi qui ragazze,
Pronta a recensire per voi "Ignite me", l'ultimo volume, per ora, della serie Shatter me.
Dico per ora perché l'autrice ha già annunciato che scriverà ancora di Juliette e del suo piccolo gruppo di amici speciali. 

"Meriti molto di più della carità. Meriti di vivere. Meriti di essere viva."

Questo volume inizia con una Juliette sola e devastata. Lei pensa che tutti i suoi compagni del punto Omega sono morti. Così adesso è sola, sola assieme all'ultima persona con cui vorrebbe stare, assieme a l'unica che desidera davvero. L'unica che la conosce e la ama. Warner. 
Loro due insieme decidono che è arrivato il momento di mettere fine a tutto questo e assieme ai pochi ragazzi del punto Omega rimasti vivi creano un piano perfetto, infallibile. 
I ragazzi adesso sono tutti più forti e più uniti, tutti tranne Adam. Adam che non ha ancora accettato che Juliette lo abbia lasciato, Adam accecato dalla rabbia per essere stato messo in panchina dall'unica ragazza che abbia mai amato, la ragazza per cui ha rinunciato a tutto.
Conosciamo dunque il lato oscuro di Adam, il suo lato straziato dal dolore per aver perso l'unica persona, a parte James, che amasse. Straziato per aver scoperto che lei non lo amasse davvero. Straziato dal fatto che lei abbia scelto suo fratello, il fratello che lo desiderava morto.
Ma Juliette in realtà, anche se in cuor suo ha già fatto la scelta, non ha ancora espresso a parole i suoi sentimenti per Warner, e nonostante il dono di Warner di capire gli altri, sembra che lui non riesca a leggere dentro di lei, forse per paura di quello che potrebbe vedere.
Ma Juliette adesso è cambiata, è piu forte, più sicura ed è innamorata solo di Warner. Per Adam prova affetto, affetto per la prima persona che l'abbia mai amata, affetto per le prime emozioni che lui le ha regalato, ma che non hanno nulla a che vedere con l'amore. 
E qui, ragazze mie, entra in gioco la mia rabbia. Come può non aver mai amato Adam? Come può aver preso in giro il suo cuore e il mio? Dove è finito il suo sogno collegato all'uccello che ha tatuato Adam? Adesso è collegato a Warner? Tutte stronzate.
Non so perché l'autrice ha deciso di fare questa scelta, ma io non ne sono di certa contenta. 
Juliette mi ha deluso molto, anche se non mi era mai piaciuta molto. Troppo timida e in cerca di amore in apparenza, ma molto egoista in verità. Alla fine sceglie la persona che più le fa comodo, che più la ama, così come all'inizio aveva scelto di amare l'unica persona che le ha voluto bene, per poi spezzargli il cuore. L'amore non si sceglie, non si sceglie chi amare, e invece lei lo fa. 
Insomma, il romanzo procede molto veloce, alla fine ogni cosa va al suo posto, e Juliette si rivela per quella che è. Si rivela per la ragazza che Warner aveva visto in lei da subito: una ragazza assetata di potere. 
Ovviamente nonostante la mia rabbia iniziale, sono contenta di come vanno a finire le cose. Adam non la meritava, come non la merita Warner. 
L'autrice infatti ha creato Warner alla perfezione, ma sono stati i difetti a farmi amare Adam.
E se Juliette trova la forza per perdonare Warner per essere stato un mostro, per anni, io posso perdonare Adam per aver avuto un minuto di follia, dopo aver scoperto che nulla aveva più senso. 
Come infatti ho già precisato nella novella su Adam, é lui l'artefice delle mie emozioni più intense. Lui e Kinji. 
E adesso voglia una storia su Alie e Adam, ne ho bisogno, me la merito.

"Non ho mai conosciuto una pace come questa. Non ho mai provato questo tipo di conforto. E a volte ho paura che il mio cuore possa terrorizzarti."

Il finale però mi è piaciuto molto, l'ho trovato perfetto, perché questa storia è solo l'inizio della nuova vita di Juliett e della vita di Adam senza di lei.
Non posso quindi dare il voto massimo a questo libro, ma non posso dare nemmeno un voto basso solo perché il mio cuore ha fatto una scelta diversa, quindi premio tutta la serie con un bel 4, perché comunque è stata una piacevole sorpresa e una lettura inaspettata. 


Voto libro - 4 Bellissimo




2 commenti:

  1. Ciao! Ho letto le tue opinioni su tutta la saga: io a differenza tua non ho mai apprezzato fino in fondo Adam, già dal primo volume! Ho sempre fatto il tifo per Warner. Non mi è mai entrato nel cuore, forse perchè si presentava come un ragazzo dolce, protettivo e disposto a tutto per tenere al sicuro Juliette. Ecco il suo essere disposto a tutto che mi ha un po' fatto storcere il naso. È come se la volesse tenerla ancora in gabbia dopo anni in cui è stata prigioniera! Ma cavolo quella è più forte di tutti voi messi insieme, fatela combattere se siete furbi, fatela allenare e fatele accettare il suo dono! E poi la sua voglia di non combattere e di accettare solo la situazione nel terzo volume mi è dispiaciuta molto come il fatto che quasi non volesse andare a salvare Juliette... Si capisce che l'autrice ha voluto che J finisse con W sminuendo un po' il rapporto con A, rapporto in cui io non ho mai creduto! J non sa niente di A, non lo conosce come A non conosce J. Secondo me A ha sempre amato l'idea che si era fatto di J, idea tra l'altro sbagliata e quindi spero con tutto il cuore che possa avere anche lui una bella storia d'amore nei prossimi volumi, con una persona adatta, magari Alia.
    Scusa se sono stata troppo lunga!

    RispondiElimina
  2. Nono, sono contenta che tu abbia espresso il tuo parere, e fidati che è molto simile al mio.
    Ma io ho amato Adam da sempre, dal primo volume, e l'ho apprezzato proprio per il suo modo di amare senza confini, ma se hai letto le mie recensioni sai che ho amato anche Warner. La mia antipatia va a Juliette e alla sua superficialità. W, come dici tu, la ama in modo reale, la sprona a essere migliore, l'accetta in ogni modo, e ama tutto di lei. Adam invece la ama in maniera diversa, ama una persona che lei in è, che non è più almeno. Il mio disappunto va tutto verso Juliette, che mi ha illuso facendomi sperare in un lieto fine per A, illudendo A e poi spezzandogli il cuore. Ma per come sono andate le cose, Adam ci ha guadagnato alla grande, e spero proprio in un volume tutto su di lui. L'unico per cui mi dispiace è suo fratello, che invece ha avuto il suo lieto fine con J, e che invece meritava molto di più perché come dici tu, W è un personaggi molto più complesso e molto più interessate di A. È un personaggio che L autrice ha voluto marcare e rendere protagonista già dal primo volume, solo che non mi è arrivato al cuore.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...